« Torna all'elenco dei consigli

Helicobacter pylori

i nostri consigli

L'Helicobacter Pylori è un batterio che, nonostante l'acidità dei succhi gastrici, è in grado di sopravvivere nello stomaco e ivi può stabilirsi, allorché l'organismo ne è contaminato. Il batterio produce infatti un enzima, l'ureasi, che, attraverso la liberazione di ammoniaca, neutralizza l'acidità gastrica nelle immediate vicinanze della sua superficie consentendogli così di proliferare indisturbato. Le sostanze secrete e i movimenti che esso compie (possiede flagelli che gli consentono di spostarsi con movimenti spiraliformi) sono lesivi per la mucosa gastro-duodenale e portano allo sviluppo di problemi quali gastriti, ulcere e infiammazioni. Poiché esso vive immerso nella mucosa gastrica, con duplice funzione secretiva e protettiva, la sua presenza e il logorio da esso esercitato provocano sia problemi digestivi sia infiammazioni alle pareti dello stomaco e del duodeno. Il batterio è inoltre in grado di aumentare la permeabilità della mucosa agli ioni idrogeno, incrementando il rischio di gastrolesività. Nell'adulto l'H. Pylori è associato a condizioni patologiche quali dispepsia, alitosi, malattia da reflusso gastroesofageo, gastrite, ulcera gastrica e duodenale. Numerosi studi hanno evidenziato che l'H. Pylori è presente nel 90% dei casi di ulcera duodenale e nel 70% dei casi di ulcera gastrica. Inoltre, l'infezione da H. Pylori aumenta il rischio di lesioni gastriche nei pazienti trattati con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). L'eradicazione del batterio migliora sensibilmente tali problematiche. La contaminazione cronica da H. Pylori è anche chiamata in causa nella patogenesi del carcinoma e del linfoma gastrico, con conseguenze ancor più preoccupanti.

Diffusione del problema &comm; Trasmissibilità

L'infezione da Helicobacter Pylori è piuttosto diffusa, si calcola che ne sono affetti il 20% dei ventenni, il 40% dei quarantenni e il 60% dei sessantenni. L'incidenza aumenta con l'età, probabilmente a causa del progressivo indebolimento del sistema immunitario e della diminuzione di produzione di succhi gastrici. La trasmissibilità può avvenire per via oro-orale, oro-gastrica e oro-fecale. Sembra improbabile che il batterio possa risiedere nel dorso della lingua e nella placca dentale, è più probabile invece che esso possa essere occasionalmente presente nella bocca a causa di rigurgiti gastrici e che venga eliminato all'esterno attraverso il vomito. La trasmissione animale/uomo è anch'essa possibile, anche se non è stata propriamente dimostrata. Il sistema immunitario ha un ruolo fondamentale nell'impedire l'insediamento del batterio quando l'organismo ne è inizialmente contaminato. Tuttavia, se H. pylori riesce ad immergersi nella mucosa gastrica diviene pressoché inattaccabile dai naturali sistemi difensivi dell'organismo ed è necessario intervenire con sostanze ad azione antibatterica. L'utilizzo di antibiotici, comunemente impiegati dalla medicina ufficiale, può portare allo sviluppo di resistenza batterica oltre ad indebolire ulteriormente le immunità naturali dell'organismo. L'approccio ideale si basa sull'ultizzo di sostanze naturali in grado di eradicare il batterio mantenendo efficienti i sistemi difensivi e la flora intestinale fisiologica. Anche l'alimentazione ha un ruolo determinante nell'instaurarsi dell'infezione: numerosi studi hanno evidenziato che diete ricche di sale e alimenti conservati favoriscono l'insediamento dell'H. Pylori, al contrario un'alimentazione ricca di frutta e verdura risulta avere funzione preventiva.

Approccio per il trattamento dell'helicobacter pylori

La strategia terapeutica si basa su quattro aspetti fondamentali:

  1. Agire per via orale con un'azione antibatterica naturale di provata efficacia nell'eradicazione dell'infezione da Helicobacter Pylori , rafforzando allo stesso tempo le difese naturali dell'organismo
  2. Apportare sollievo contro l'acidità gastrica, favorire i processi digestivi, alleviare i bruciori e i dolori di stomaco
  3. Adottare una dieta adeguata volta alla correzione della disbiosi intestinale e al conseguente rafforzamento delle difese
  4. Consentire al corpo di autorafforzarsi modificando abitudini di stile di vita errato

Prodotti consigliati

  • GSE Stomach
  • GSE Biotic
Prodotti helicobacter pylori
CLICCA QUI e scarica il modo d'uso e la posologia dei prodotti consigliati, completo della guida all'alimentazione che aiuta a guarire. 03/04/2012
« Torna all'elenco dei consigli